QUESTO ROMANZO NON S’HA DA PUBBLICARE

La sera di venerdì scorso 23 novembre 1923
mi trovavo in Piazza Piccola in compagnia del signor Carmine Calabrese, quando
mi si avvicinò un ragazzo, fratello del professor Mariano Gentile, e mi invitò
a recarmi nella redazione del giornale “Il Corriere di Cosenza”, sita pure in
Piazza Piccola, dove mi aspettava per parlarmi il signor Nicola Gentile di
Marano Marchesato
– il tono del ventisettenne tipografo Bonaventura Sartù è
pacato, ma il suo nervosismo è tradito da un leggero tremore delle dita
nell’avvicinare una sigaretta alle labbra e il Commissario Alfonso Vertuli non
può non accorgersene –. Appena entrai
nella redazione, il signor Sicilia mi apostrofò in malo modo dicendo che per il
saldo dell’ultima fattura per la stampa del giornale mi aveva dato 100 lire in
più ed io risposi che ciò non rispondeva a verità. Esaurita questa questione
stavo per uscire quando Sicilia mi invitò ad entrare nella sua stanza riservata
dove incominciò a chiedermi notizie circa la pubblicazione di un mio lavoro
sotto forma di romanzo. Gli risposi che lo avrei pubblicato in settimana e gli
feci leggere il manoscritto  che avevo,
per caso, in tasca
– continua porgendo al Commissario alcuni fogli di carta
velina scritti a macchina. Vertuli gli fa segno di fermarsi e si immerge nella
lettura di quei pochi fogli
I MISTERI DELLA MANO NERA
Ovvero
La moglie del Capitano della
Polizia Americana
Romanzo di Avventure di
Oltre Oceano di BONAVENTURA SARTU’
Personaggi:
Mister Nick
Silia       – L’uomo del Mistero
Kames
Brown            – Capitano di Polizia
Livio Iarel           
Agente di Polizia
Luciano
Vignon        
Gestore
Mistress
Karistall      – Moglie del Capitano
——————————
Mister Nick
Silia è da parecchi anni in America e nulla si sa di lui fino a quando,
affiliatosi alla Mano Nera, comincia a frequentare luoghi che prima gli erano
proibiti.
La sua
prestanza fisica gli fa guadagnare la simpatia e l’amicizia di varie persone
fra le quali quella di una donna, direttrice e proprietaria di una ricchissima
Pensione, MISTRESS KARISTALL.
Costei era
amante del capitano Kames Brown dal quale era venerata per la sua bellezza, per
i suoi modi squisiti e per tutto quell’insieme di fascino che emana dalla
donna, specie quando essa è di venticinque anni.
Mister Nick
Silia aveva incominciato ad amare ench’egli la donna, nella quale più
dell’affetto vinse la durezza del Silia, il quale aveva forse appreso che la
donna non si lega mai con moine.
Nel
frattempo, poiché Mister Nick aveva completamente smesso di lavorare e si era
dato alla vita galante, giacché i vari colpi impunemente riusciti glielo
consentivano perché era forte mercè l’ausilio della MANO NERA, strinse intime
relazioni con la Karistall.
È così che
lui si trova assoluto protettore della casa, dove fu tramata la perdita del
Capitano il quale incominciava ad essere d’intoppo e perché possessore di una
discreta fortuna. All’uopo era necessaria la complicità di LIVIO IAREL,
ordinanza del capitano.
Costui,
esimio pregiudicato, sebbene fosse agente di Polizia, non si fece scrupolo
alcuno di accettare le reiterate offerte della Mistress e preparare insieme a
Mister Nick la morte di Kames.
In un
banchetto all’uopo preparato e durante copiose libagioni di Champagne viene
propinato il veleno alla inconscia vittima, la cui morte viene attribuita ad
improvviso malore, danco così facile agio agli assassini di impossessarsi di
quanto in denaro ed in gioie il capitano era possessore. La cosa, svoltasi con
molta facilità, sembrava ben riuscita, ma un bel giorno in cui la Polizia aveva cominciato a
subodorare qualche cosa,  il Iarel
procurò e consigliò di allontanarsi.. a ciò si aggiunga il fatto che la
MANO NERA, non avendo avuto ciò che si era
pattuito fra di loro per l’uccisione del Capitano e lo svaligiamento della
casa, aveva incominciato a tramare, dopo alcune imposizioni ai danni degli
amanti.
In seguito
credettero opportuno allontanarsi da … e, con le ricchezze malamente ricavate,
si stabilirono a … dove, acquistata una palazzina di elegante costruzione, vi
continuarono il loro losco commercio, che era il mezzo per poter ivi attirare
le loro prede.
Le cose
continuarono così per un certo tempo, secondo l’indirizzo da loro dato.
In questa
nuova residenza vi capita un ricco negoziante che ben presto, sebbene di età
avanzata, si innamora della Karistall della quale diviene l’amante e destinato
anche lui a scomparire misteriosamente, dopo esser stato derubato di una buona
parte dei suoi averi.
Poiché con
l’ultimo colpo di pugnale era riuscito ad aumentare di molto i suoi capitali,
Mister Nick, credendosi completamente immune di fronte agli occhi della
Polizia, pensa bene di acquistare altra palazzina da servire allo stesso scopo
della prima e migliorare, così, il commercio che gli andava molto bene.
La Polizia intanto indagava e pare che
incominciasse a trovarsi su buona pista, così un bel giorno i due amanti ed una
presunta nipote sono costretti a riparare in Europoa, lasciando ad un cognato
la gestione del turpe commercio.
La fuga è
determinata non solo dall’intervento della Polizia, ma anche dalle minacce
della MANO NERA che non era mai stata soddisfatta di quanto Mister Nick Silia
aveva loro promesso
– E questo sarebbe un romanzo? – gli fa il Commissario, quasi
buttandogli i fogli in faccia
– No… è il prologo… se volete vi faccio leggere il primo capitolo…
– No! Meglio che continuiate a raccontare i fatti del 23 novembre perché
finora non ho capito granché
– Allora, ero arrivato al punto in cui ho dato il manoscritto a
Sicilia. Lo lesse e cominciò a criticare
affermando che io volevo pubblicare il romanzo al solo scopo di ricattarlo. Risposi
che non era vera: prova ne era il lavoro. Sicilia si alterò e chiamò in suo
aiuto gli altri redattori del giornale, suo fratello Guglielmo, il professor
Mariano Gentile, l’avvocato Francesco Cribari, il ragionier Giovanni Stumpo,
Francesco Stumpo e il dottor Vincenzo Sicilia che mi investirono in malo modo
minacciandomi ed affermando che non potevo lottare contro i motiani e che se
avessi pubblicato il lavoro avrebbero, a forza di quattrini, trovato persone
disposte a confermare quanto il Sicilia affermava e cioè che io aveva chiesto
al Sicilia 100.000 lire per non pubblicare il lavoro. Ad evitare una
discussione violenta, mi accomiatai, se non che trovai l’uscio chiuso a chiave,
guardato dal signor Gentile il quale, a nessun costo, voleva farmi uscire. Alla
violenza che mi si faceva opposi la minaccia di ricorrere alle armi per uscire
dal locale. Solo in questo modo la discussione ebbe termine. Vincenzo Aloe e
Rodolfo Corigliano, passando dalla strada, intesero il baccano e si accostarono
– Quello che non ho capito in quanto non lo avete detto, è perché
Sicilia ritiene il vostro lavoro un tentativo di ricatto – chiede, perplesso,
il Commissario
– Non lo so… – risponde con aria candida – effettivamente tale romanzo non contiene nulla di allusivo per Sicilia,
come è facilmente rilevabile. Io lo scrissi per dare maggiore importanza al
giornale, specie dopo il ritiro dalla Direzione dell’Avvocato Filosa e l’ho
scritto sulle tracce dei romanzi polizieschi americani
– Boh?! – fa il Commissario, che continua – e quindi cosa intendete
fare?
– Sporgo formale querela contro le persone che ho citato
Di fronte ad una querela per minacce e violenza privata bisogna
procedere con urgenza, così vengono convocati in Questura tutti gli indagati.
Il primo è Nicola Sicilia
– Avevo affidato la stampa del mio giornale a Bonaventura Sartù ma, non soddisfatto di come adempiva l’incarico,
mi rivolsi ad un altro tipografo e da qui
le ire e le minacce di Sartù che, peraltro, non avevano scosso la mia
tranquillità abituale
. Avendo però
desiderio di non aver nulla a che fare con costui e definire i conti nei quali
era un divario di 160 lire, mandai a chiamarlo nella redazione del giornale.
Quando fu alla mia presenza cominciò a protestare pel torto che, secondo lui,
gli era stato fatto, accennando a pretese di danni. Siccome io ribattevo che
non gli dovevo nulla e col mio denaro potevo ben regolarmi nella maniera che
meglio credevo, Sartù mi invitò a parlare in un luogo segreto. Ci appartammo e
colà mise fuori il copione dattilografato di un romanzo che, mi disse, avrebbe
pubblicato per danneggiarmi moralmente. Detto romanzo, che riferiva le gesta
della mano nera americana, accennava ad un tale Nick Silia (il mio nome in lingua
inglese ed il mio cognome a cui era tata tolta qualche sillaba) il quale aveva
consumato due omicidi, rapita la moglie di uno degli assassinati, aveva
acquistato una villa misteriosa dove si svolgevano dei traffici scandalosi
sotto la direzione della moglie del Nick Silia ed altre brutture. Non ebbi più
dubbi sulle intenzioni del Sartù mentre egli leggeva qualche pagina del suo
romanzo. Feci allora finta di uscire un momento e ripresi allora il discorso in
modo che gli altri sentissero. Sartù insisteva nella sua pretesa di denaro a
condizione di non pubblicare il romanzo. Stumpo e Gentile entrarono redarguendo
aspramente il ricattatore. Entrò anche l’avvocato Cribari e sentì il racconto
che io feci di quanto era accaduto. Il Cribari, impressionato, cercava di
rabbonire il Sartù, che continuava a minacciare. Il Sartù fece finta di
calmarsi e così la cosa ebbe termine per il momento
– E quindi?
– Quindi
querelo Sartù per tentata estorsione e
calunnia
, chiedendo il sequestro
degli scritti diffamatori che rappresentano una delle prove sicure del reato
del quale sono stato vittima
I testimoni
citati confermano, a seconda di quale delle due parti li ha citati, e la gatta
da pelare resta nelle mani del Pubblico Ministero il quale, studiate
attentamente le carte, relaziona:
Poiché tra le due versioni la più
attendibile sembra quella del Sartù, in quanto è in qualche modo avvalorata dal
conquestuo immediato, dalle dichiarazioni dei testi Corigliano ed Aloe che, fra
l’altro, videro chiusa la porta dei locali del “Corriere”, dal fatto che il
Sartù fu invitato dal Sicilia in redazione. Non è a tacere, in ultimo,
l’immediatezza della denunzia del Sartù, mentre quella del Sicilia avvenne
molto tardi ed è, infatti, inespiegabile perché il Sicilia, il quale aveva
subito un sì grave tentativo di ricatto, si tacesse e si fosse del tutto
acquietato. Se non che, ammessa la versione del Sartù, nei fatti da esso
denunziati non si ravvisa il reato di violenza privata, né altro reato minore
.
Per quanto riguarda il Sartù, non
sussiste il fatto che egli abbia minacciato Sicilia di pubblicare il romanzo se
non gli avesse sborsato lire centomila: il Sartù mostrò al Sicilia il copione
della prima puntata del romanzo dietro invito di quest’ultimo. Né può
riscontrarsi reato nel fatto d’aver costui scritto e compilato tale romanzo
poiché, anche ammesso nello stesso la prava intenzione di servirsene come mezzo
di ricatto verso il Sicilia, saremmo nella pura fase preparatoria e non
esecutiva, a parte che v’è molto da dubitare circa l’idoneità del mezzo
prescelto
.
Tutti
prosciolti in istruttoria. È il 10 gennaio 1924.[1]
Il romanzo è
rimasto chiuso in un cassetto o, meglio, in un polveroso faldone di atti
giudiziari, per quasi 95 anni…

[1] ASCS, Processi Penali.

Be the first to comment

Leave a Reply