NEL FEUDO DELLA MANO NERA

Annunziato
Ciappino, nato a Palmi ma residente a Nicastro, dove si è sposato, emigra in
America, stabilendosi in Pennsylvania. Tra il 1910 e i primi del 1912 cambia
molte volte residenza: Duquesne, Pitcairn (il nome della località è scritto
così ma non c’è corrispondenza con località statunitensi. Nda), Pittsburgh. Poi
sparisce per qualche mese senza dare più notizie né  alla moglie, né ai parenti rimasti a Palmi.
Con l’ultima lettera spedita prima della misteriosa sparizione non dà notizie
molto rassicuranti
Pittsburg 14:2:1912
Cara sposa non prendetevi di dispiacere che
sono stato arrestato per motivo che presero a Ferdinando Dattilo arrestato è
presero anche ha me, si credevano che era Giuseppe suo fratello, poi la mattina
sono uscito alla libertà, che non era io. Questo è stato il fatto vero
.
Dopo quasi tre
mesi di silenzio, il 5 aprile, Annunziato scrive di nuovo alla moglie. Questa
volta, però, la lettera parte da Carbondale, Illinois
Cara sposa ti notizio che giorno 27 marzo ti
ho spedito £ 50 e fateme sapere selaveti ricivute espero che fra questo mese
dimandare quarche artra cosa.
Dipiu ti notizio che siamo uniti con il
cognato Felice e ni riunimmo con il cognato Ciccio e andiamo tutti li tre a una
parte; di piu cara sposa mi scusi che non vio scritto perche sono stato un po
disturbato e vi prego che non aviti pagura che se iddio voli ni ritiramo uniti
con il cognato Felice
.
Poi scrive di
nuovo il 5 maggio, ancora da Carbondale, e chiarisce che le 50 lire spedite il
27 marzo, le ha spedite da Pittsburgh, mentre altre 50 lire le ha spedite
qualche giorno prima da Carbondale.
Meno male!
Avrà avuto qualche contrattempo, come può capitare a tutti e certamente è
andato avanti e indietro dall’Illinois alla Pennsylvania.
Ma che lavoro
fa Annunziato Ciappino che lo porta a spostarsi così frequentemente? Mistero.
Alla moglie e agli atri parenti a cui scrive non lo ha mai detto, ma una cosa è
certa: sicuramente se la fa con gente poco raccomandabile, visto che è stato
arrestato con un ricercato e certamente ha una relazione extraconiugale perché
Francesco Curcio, uno dei fratelli di sua moglie, da Carbondale manda una
lettera di fuoco alla madre:
mi dite di non oltraggiare il cognato
Nunziato, non dubitate che dispiacere non ve ne darò, ma se lui l’abbandonava

[la moglie. Nda] era pensiero mio come
dovevo fare, prima l’ho andavo a trovare ed se lui non accondiscendeva a quel
che io gli proponevo, era pensiero mio, basta
.
Col rischio
di ritrovarsi qualche pallottola in corpo, Annunziato decide di rimpatriare per
mettere fine alle dicerie e dimostrare che lui la moglie non la vuole
abbandonare per nessun’altra. Così, alla fine di novembre del 1914, Annunziato
arriva a Nicastro, vestito all’americana e con un grosso sigaro in bocca,
dispensando saluti e pacche sulle spalle a tutti quelli che incontra.
La sera del
primo dicembre 1914 Felice Ferraro e suo cognato Vincenzo Saladino stanno
camminando lungo la via principale di Nicastro
– Guarda chi
è tornato dall’America! Nunziato Ciappino!
Vincenzo
Saladino ha come un sobbalzo appena sente quel nome, poi il viso e gli occhi
gli diventano rossi
Quello lì… – risponde sbuffando mentre
indica Ciappino – quello lì ha ammazzato
mio fratello e domani andrò dal Delegato
Ma Vincenzo
Saladino non aspetta l’indomani, dal Delegato ci va immediatamente e, verso le
otto di sera, gli racconta
Il 4 marzo del 1912 ero a Braddock,
Pennsylvania, e seppi dalla voce pubblica che un tal Ciappino Annunziato,
d’anni 24, nato a Palmi e residente a Nicastro, aveva ucciso con un colpo di
rivoltella mio fratello Antonio, residente a Braddock per ragioni di lavoro. La
causale di tale omicidio deve ricercarsi nella mancata emissione di 600 scudi
che un tal Costanzo Vincenzo di Nicastro, capo della combriccola della mano
nera, ora defunto, aveva mandato a chiedere ad un certo Carmine Corrado da
Caserta e residente a Braddock, ove gestisce un albergo. Mio fratello Antonio
che trovavasi colà a pensione, avuto conoscenza di simile prepotenza, consigliò
il Corrado a non aveva ottemperare a tale ingiunzione. Il Costanzo seppe ciò e
siccome tra lui e mio fratello non correvano buoni rapporti di amicizia giacché
circa due mesi prima erano venuti a diverbio, tanto che il Costanzo,
spalleggiato da altri due, avevano spianato uniti contro mio fratello le loro
rivoltelle, mentre il Ciappino gli aveva tirato a tergo un colpo di coltello,
per vendicarsi, inviò Nunziato Ciappino con altri cinque individui, facenti
tutti parte della mano nera, per uccidere mio fratello
erano le 6,10 del mattino e mio fratello si
recava al lavoro. Ciappino gli si parò davanti e, estratta la rivoltella, gli
tirò un colpo che lo rese all’istante cadavere, dileguandosi di poi, come nella
precedente rissa, alle ricerche della polizia
– Come fate
ad essere sicuro che sia stato proprio Ciappino?
Tale nome era quasi da tutti pronunziato nel
villaggio di Braddock… posso indicare qualcuno di cui mi ricordo… Vincenzo
Gigliotti, negoziante nativo della provincia di Cosenza, vide quando mio
fratello fu ucciso e vide che parecchi individui scappavano; seppe dipoi che
l’autore era stato il nipote di Caino, ossia Nunziato Ciappino; tal Carlatano Roberto,
sarto anche nativo della provincia di Cosenza, vide mio fratello cadere colpito
da un colpo di rivoltella ed alcune persone che scappavano. Faccio presente che
Carlatano è di origine sospetta e che credesi che lo stesso sappia chi sia
stato ma, essendo probabilmente della medesima combriccola, abbia taciuto
Adesso è  chiaro il lavoro che fa Annunziato Ciappino: racketeer
e killer della Mano Nera di Braddock.
Il Delegato
di P.S. Vincenzo Mancuso ascolta con attenzione e crede alla storia raccontata
da Saladino. Accompagnato dalla guardia di città Giovanni Mauro, cura immediatamente la cattura di detto
individuo che, con abile tattica, trae in arresto nella sua abitazione
.
Gli Agenti di
P.S. perquisiscono l’abitazione di Ciappino e sequestrano 25 lettere spedite da
Nunziato: subito balza agli occhi del Delegato una sospetta coincidenza: la
spedizione regolare delle lettere si interrompe qualche giorno prima
dell’omicidio e riprende circa tre mesi dopo. Certamente ciò significa che
Ciappino in questo lasso di tempo si è nascosto perché qualcuno lo ha
riconosciuto mentre sparava ad Antonio Saladino e teme di essere arrestato.
Sono innocente – si difende Ciappino
davanti al Pretore che lo interroga – le
circostanze riferite a mio carico non rispondono affatto a verità. All’epoca in
cui fu assassinato Antonio Saladino io non mi trovavo in Braddock,ove il
Saladino risiedeva per ragioni di lavoro, ma 
mi trovavo in Carbondale.
– Conoscevate
Vincenzo Costanzo di Nicastro, anche lui residente nella zona di Pittsburgh?
Conosco Vincenzo Costanzo ma con lo stesso
non ho avuto, nel mese di marzo 1912 in America, se non rapporti di interesse
.
Vengono
rintracciati e interrogati alcuni testimoni che raccontano di aver lavorato nel
1912 a Carbondale con Ciappino, almeno per qualche mese, ma di non potere
affermare con certezza se e quando si fosse allontanato e per quale
destinazione. Tutto e niente nello stesso tempo.
Annunziato
Ciappino e Vincenzo Saladino vengono messi a confronto e questi, con voce chiara, citandogli le circostanze di fatto, sosteneva
in faccia al Ciappino sia la prima accusa, cioè allorché ferì il fratello col
colpo di coltello, e sia quando l’uccise
. Saladino gli rinfaccia anche i
numerosi viaggi fatti a Pitcairn, dove
trovavasi Costanzo
, ma Ciappino nega tutto. A tale proposito, il Delegato
Mancuso scrive: Dichiarazione falsa perché
nelle lettere sequestrate, noi troviamo che il Ciappina scriveva da colà il 16
novembre ed il 18 dicembre del 1911. Faccio, inoltre, osservare Duquesne,
Pitcairn e Pittsburg sono luoghi vicinissimi da Braddock, ove avvenne il
misfatto, mentre Carbondale dista non poche ore di treno, un giorno intero di
viaggio. Da Carbondale poi, il Ciappina si reca a Clohsville
(la località
così come riportata negli atti è inesistente. Nda), luogo conosciuto per le riunioni della “Mano Nera” e di là scriveva
alla moglie il 16 agosto del 1914 di non mandarci nulla perché “un momento mi
trovo ad una parte ed un momento ad un’altra”
Il Delegato
lo pone in stato di fermo e chiede un mandato di arresto nei suoi confronti per
omicidio premeditato, cosa che il Giudice Istruttore concede.
Senza
chiedere autorizzazioni per la rogatoria internazionale, il Delegato si ingegna
ad indagare in Pennsylvania e rintraccia un articolo di giornale del Pittsburgh
Post dal titolo molto eloquente: IN BRADDOCK’S BLACKHAND FEUD, nel feudo della
mano nera di Braddock, nel quale viene portata alla luce una realtà
sconvolgente:
Fin da quando Tony Salatino fu ucciso il 19
aprile del 1912
(data sbagliata perché Saladino fu ucciso il 4 marzo 1912. Nda)
si è deplorato in Braddock un succedersi
di omicidi più precisamente e risse sanguinose. Jim Costanzo era ucciso il 21
luglio. L’altra sera Pasquale Ferraro, di anni 21, da Maple Way, fratello di
Tony Ferraro, che trovasi in carcere per rispondere dell’omicidio di Jim
Costanzo e Nicola Maso di anni 45 di Wood Way erano assassinati a colpi di
revolver. L’uccisore di Ferraro fuggì. Pasquale Salatino di anni 50 di Maple
Way fu arrestato perché accusato di avere ucciso il Maso. Pasquale Ferraro fu
ucciso mentre tornava dal lavoro. il Maso era in una birreria di Braddock
Avenue quando entrò il Salatino. Recatosi costui nel restroom
(toilette. Nda), si vide seguito dal Maso. Ciò visto, il
Salatino esclamò: “Se sei venuto per uccidermi, bada alla tua pelle!” e, cavato
il revolver fece fuoco uccidendo il Maso. Il Salatino, arrestato, dichiarò che
aveva ricevuto spesso lettere di minaccia ed aveva chiesto al chief di p.s. Mc
Carthy di permettergli il porto del revolver, cosa che gli fu rifiutata. Il
povero Ferraro fu assassinato, secondo la p.s., per vendicare la morte di Jim
Costanzo, ucciso dal fratello del Ferraro, Antonio
.
Secondo
quanto riportato dal giornale, Pasquale Salatino è uno zio dei fratelli
Ferraro.
L’articolo
getta una nuova luce sulla situazione esistente a Braddock tra gli italiani
emigrati e il racconto fatto da Vincenzo Saladino trova conferme sulla
pericolosità della combriccola
capeggiata, all’epoca dei fatti, da Jim Costanzo.
Con questi
indizi il Delegato trasmette gli atti al Pubblico Ministero di Nicastro, il
quale non ritiene di approfondire le indagini coinvolgendo il Ministero di
Grazia e Giustizia per avviare una rogatoria internazionale. Secondo il
Magistrato si tratta di accuse vaghe e
indeterminate
, suffragate solo dalla querela del fratello dell’ucciso. Con
questa premessa il fascicolo arriva al Procuratore Generale del re che
conclude: non ostante le indagini
eseguite non si sono ottenuti contro Ciappino elementi di prova, i quali
abbiano suffragato gli indizi forniti dal fratello dell’ucciso e dall’autorità
di p.s.. Si aggiunga che le autorità americane, allorché si occuparono
dell’uccisione di Saladino non sospettarono di Ciappino. Ad ogni modo non
esiste contro costui circostanza alcuna che possa consigliare il rinvio al
giudizio
. È il 7 dicembre 1915. Due settimane dopo, la Sezione d’Accusa  mette la parola fine alla vicenda,
dichiarando il non luogo a procedere nei confronti di Annunziato Ciappino per
insufficienza di prove.[1]
Insufficienza
di prove, la formula con la quale si sono conclusi migliaia di processi a
carico di mafiosi.
Tony
Saladino, ucciso mentre andava a lavorare perché rifiutava i metodi mafiosi dei
suoi compaesani, non ha avuto giustizia né memoria. Finora.

[1] ASCZ Sezione di Lamezia
Terme, Atti istruttori del Tribunale di Nicastro.

Be the first to comment

Leave a Reply